A Domanda Risponde

Il suggello, la caparra, il pegno dello Spirito Santo sono simboli che si riferiscono alla rigenerazione del credente o al battesimo dello Spirito Santo?

Prima di dare un’interpretazione di questi simboli dello Spirito Santo espressi nel Nuovo Testamento, sarà utile elencare i versetti biblici che riguardano l’argomento: a. “Or Colui che con voi ci rende fermi in Cristo e che ci ha unti, è Dio, il quale ci ha pur segnati con il proprio sigillo, e ci ha data la caparra dello Spirito nei nostri cuori” (II Corinzi 1:21,22); b. “Or Colui che ci ha formati per questo stesso è Dio, il quale ci…

0
Leggi

Il soffio alitato da Gesù risorto sui discepoli, come riportato in Giovanni 20:22, è soltanto un atto simbolico del battesimo nello Spirito Santo o rappresenta qualcos’altro?

Questo testo biblico è stato in­terpretato in vari modi. Alcu­ni affermano che il soffio di Gesù sui discepoli è soltanto un atto sim­bolico del battesimo nello Spirito Santo che gli apostoli avrebbero ricevuto il gior­no di Pentecoste. Tutto il problema è imperniato sulla comune opinione che, prima della Pen­tecoste, lo Spirito Santo non fosse stato dato. UN’OPINIONE COMUNE Ma è proprio così? Le parole di Giovanni 7:39 “… lo Spirito non era ancora stato dato, perché Gesù non era ancora…

0
Leggi

Nelle vostre chiese viene dato ampio risalto all’opera dello Spirito Santo. Ma è davvero così importante?

Questa domanda nasconde una vecchia critica mossa ai credenti pentecostali. Alcuni, infatti, sostengono che il messaggio predicato nelle chiese evangeliche di fede pentecostale è un annuncio incompleto dell’Evangelo, come se parlando della Persona e dell’Opera dello Spirito Santo si pongano in secondo piano le altre Persone della Trinità e il loro ruolo nel programma dell’umanità. Tutto ciò è inesatto, tanto è vero che gli evangelici di fede pentecostale, per difendersi da questa accusa illogica ed impropria, coniaro­no la frase “Pieno…

0
Leggi

L’espressione “battesimo nello Spirito Santo”, è molto usata ma ho notato però che questa definizione non è presente nella Bibbia. Perché?

E’ bene precisare che la definizione “Battesimo nello Spirito Santo” non si trova espres­sa esplicitamente nel Nuovo Testamen­to, ma è stata coniata per definire l’espe­rienza fatta dal credente, distinta e susse­guente a quella della “nuova nascita” in Cristo, e simile a quella realizzata dai discepoli del Signore il giorno della Pente­coste. La Scrittura indica quest’esperien­za biblica e dinamica con espressioni di­verse: a. Spandere lo Spirito Santo – “… spanderò il mio spirito sopra ogni carne …” (Gioele 2:28); –“… spanderò…

0
Leggi

Il “battesimo nello Spirito Santo” è un’esperienza limitata al giorno della Pentecoste, oppure una promessa perenne per tutti i cristiani?

Alcuni affermano che il risveglio evangelico pentecostale è tutto fondato su una erronea interpretazione della Sacra Scrittura e coloro che ricevono “il battesimo nello Spirito Santo” si illuderebbero di fare un’esperienza profonda con Dio, mentre sarebbe soltanto il risultato di autosuggestione ed emotività. Per procedere ad una analisi obiettiva e serena dell’argomento sarà necessario prendere in esame i seguenti aspetti: LA TESTIMONIANZA DELLA BIBBIA Dal punto di vista cristiano ed evangelico è fondamentale che ogni dottrina e tutte le esperienze…

0
Leggi

È vero che la “Glossolalia” o “parlare in altre lingue” è l’evidenza iniziale del battesimo nello Spirito Santo?

Questa è la seconda domanda di un nostro lettore sulla dottrina del battesimo nello Spirito Santo. Dopo aver dimostrato che la bene­dizione dello Spirito Santo è distintiva per tutta l’era cristiana ed ha un carattere universale, con grande obiettività domandia­moci se si manifesta in modo evidente. UN PRINCIPIO BIBLICO Nel Nuovo Testamento ogni esperienza fondamentale della vita cristiana si manifesta in modo evidente per cui c’è una testimonianza “interiore” ed una “esteriore”. Prendiamo, ad esempio, l’esperienza della “rigenerazione” o “nuova…

0
Leggi

Quando dico di credere nell’autorità della Bibbia, quale libro totalmente ispirato da Dio, noto in quelli che mi ascoltano un atteggiamento di benevolo compatimento.

D’innanzi all’aria indulgente, a volte sprezzante, di quanti con autosufficienza dissentono dalle nostre dichiarazioni di semplice fiducia nell’Evangelo, non bisogna mai reagire ma, amorevolmente, cercare di spiegare a que­sti nostri interlocutori i motivi della nostra dichiarazione di fede. Infatti, per mezzo dello Spirito Santo, Gesù vivente continua ad ammaestrare e a far comprendere il sen­so della Sua Parola a tutti coloro che ne ri­conoscono la fondamentale importanza. IL PAPA DI CARTA In genere, quando si parla di ispirazione della Scrittura…

0
Leggi

Come si può riconoscere la voce dello Spirito Santo?

Senza dubbio il risveglio evangelico pentecostale ha fatto rivivere su vasta scala la meravigliosa esperienza dell’opera reale dello Spirito Santo tra i cristiani e nell’ambito delle co­munità, ricollegandola alle caratteristiche tipiche della Chiesa cristiana dell’era apo­stolica. I PERICOLI Pur essendo assolutamente scritturale, tutto questo comporta purtroppo dei pe­ricoli, perché certi credenti, benedetti nel­la loro dinamica esperienza cristiana quo­tidiana, talvolta diventano tanto “indipen­denti” da estraniarsi da tutti gli altri per rinchiudersi nel loro piccolo angolo, da dove riceverebbero “rivelazio­ni” private per…

0
Leggi

Perché non osserviamo molte norme dell’Antico Testamento? La Bibbia non è tutta Parola di Dio?

La domanda è molto importante in quanto esistono gruppi di credenti i quali afferma­no che non possiamo considerarci cristiani fedeli alla Scrittura se non siamo disposti ad ubbidire a tutte le regole dell’Antico Testamento. Il testo più famoso, che sempre viene citato, è rappresentato dalla dichiarazione di Gesù: “Non pensate ch’io sia venuto per abolire la legge od i profeti; io son venuto non per abolire ma per compire; poiché io vi dico in verità che finché non siano passati…

0
Leggi

È vero che esiste un peccato “irremissibile”, ”imperdonabile”, qual’è?

L’interrogativo non ha lo scopo di sapere fino a che punto l’individuo può errare lonta­no da Dio senza conseguenze, perché “… il salario del peccato è la morte …” (Ro­mani 6:23), ma piuttosto di avere chiari­menti su un argomento di grande impor­tanza pratica. PECCATI VENIALI E MORTALI L’interrogativo certamente è posto per chiarire, alla luce della Sacra Scrittura, il concetto di peccato mortale e, quindi, “ir­remissibile”. La Bibbia non parla di “peccati veniali” e “peccati mortali” ma ricorda che: “Ogni…

0
Leggi
Chiesa Cristiana Evangelica
Assemblee di Dio in Italia
Via Emilio Taverna 9
43122 Parma

    375.5251424
Seguici sui Social